I porti e l’applicazione del golden power

Pubblicato il 22 Marzo 2022

Articolo di Francesco Maria di Majo, Avvocato, già presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar Tirreno centrosettentrionale

In merito all’esercizio dei poteri di controllo, ai sensi della normativa sulla golden power1, da parte del governo italiano, riguardo gli investimenti di soggetti stranieri nei porti italiani di interesse nazionale, è opportuno subito sgombrare il campo da un possibile equivoco: i porti italiani ovvero le Autorità di Sistema Portuale (AdSP), a cui spetta la regolazione e il controllo delle attività portuali, non possono essere ceduti a privati. Tali Autorità sono enti
pubblici non economici e appartengono sotto il profilo organico e funzionale allo Stato e i loro bilanci sono allegati al bilancio del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile.

Con la legge 84/94 lo Stato italiano ha affidato alle AdSP (subentrate alle Autorità Portuali a seguito della c.d. “riforma Delrio” del 2016) l’esercizio dei poteri sovrani dello Stato di regolazione, vigilanza e coordinamento delle attività nell’ambito dei porti di rilevanza nazionale. I porti italiani hanno, quindi, mantenuto una connotazione pubblicistica e le aree e le banchine ivi presenti continuano ad appartenere allo Stato (sono quindi inalienabili facendo parte del demanio marittimo) e possono essere affidate ai privati unicamente attraverso l’istituto della concessione demaniale.

L’articolo è pubblicato sul numero 2 di GeoTrade.

Per poter leggere l’articolo completo: CLICCA QUI

Iscriviti alla nostra
newsletter

Rimani aggiornato sul complesso mondo delle sanzioni e dell’export control.
Scopri in anteprima convegni e eventi organizzati da AWOS.

© AWOS - A World of Sanctions.
Via Oberdan, 10 - 37121 Verona (ITA)
C.F. 93272880233 - P.IVA 04805390236

Tel.: +39 045 9298085
Mail: segreteria@aworldofsanctions.org

Privacy Policy

Segui AWOS su