La territorializzazione del Mare Nostrum

Pubblicato il 10 Marzo 2022

I confini marittimi nel Mediterraneo e la Zona economica esclusiva italiana

Articolo di Sandro Gallinelli, Contrammiraglio (CP) (aus.), Guardia Costiera

 

Con la legge 14 giugno 2021, n. 91, anche l’Italia si avvia a dichiarare una propria Zona Economica Esclusiva (Zee). Viene infatti «autorizzata l’istituzione di una zona economica esclusiva a partire dal limite esterno del mare territoriale italiano e fino ai limiti determinati […] sulla base di accordi con gli Stati […] il cui territorio è adiacente al territorio dell’Italia o lo fronteggia […]. Fino alla data di entrata in vigore di tali accordi, i limiti esterni della zona economica esclusiva sono stabiliti in modo da non compromettere od ostacolare l’accordo finale».

Tuttavia, ciò avviene quando il processo di “territorializzazione” del mar Mediterraneo è quasi completo. Per di più, la spartizione delle residue aree di “mare liberum” sta avvenendo in un quadro di estrema instabilità geopolitica, tenuto conto anche dell’accresciuta importanza economica del mare e non solo perché vi transita circa il 95% delle materie prime mentre le esportazioni via mare coprono circa il 50% del totale e le importazioni superano anche il 60%.

L’articolo è pubblicato sul numero 2 di GeoTrade.

Per poter leggere l’articolo completo: CLICCA QUI

Iscriviti alla nostra
newsletter

Rimani aggiornato sul complesso mondo delle sanzioni e dell’export control.
Scopri in anteprima convegni e eventi organizzati da AWOS.

© AWOS - A World of Sanctions.
Via Oberdan, 10 - 37121 Verona (ITA)
C.F. 93272880233 - P.IVA 04805390236

Tel.: +39 045 9298085
Mail: segreteria@aworldofsanctions.org

Privacy Policy

Segui AWOS su