Il futuro dei porti oltre il porto

Pubblicato il 15 Aprile 2022

L’industria dello shipping tra barriere commerciali e riorganizzazione logistica

Dal 2020 il sistema mondiale dei porti sta attraversando una crisi endemica, tale da avere ripercussioni su svariati settori industriali. Le cause contingenti sono note: il Covid, il blocco della produzione e del traffico merci nei mesi di lockdown e una successiva forte ripresa della domanda che ha messo in difficoltà i trasporti marittimi, le chiusure di nodi portuali di portata globale, l’intasamento del traffico marittimo, la carenza di container.

Secondo Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale, esistono tuttavia ragioni più profonde ad aver acuito la crisi portuale, con shock contingenti che hanno modificato i presupposti di come deve essere riorganizzata la catena logistica globale e la geografica della produzione.

Al netto della presenza di bolle e cartelli che distorcono il mercato del mare, D’Agostino evidenzia come oggi, anche in un contesto di barriere commerciali, la competitività di un porto si giochi nella sua capacità di diventare un sistema integrato nel territorio, in grado di offrire logistica e insediamenti industriali in aree di prossimità.

L’intervista (a cura di Alessandro Amato) è pubblicata sul numero 2 di GeoTrade.

Per poter leggere l’articolo completo: CLICCA QUI

Iscriviti alla nostra
newsletter

Rimani aggiornato sul complesso mondo delle sanzioni e dell’export control.
Scopri in anteprima convegni e eventi organizzati da AWOS.

© AWOS - A World of Sanctions.
Via Oberdan, 10 - 37121 Verona (ITA)
C.F. 93272880233 - P.IVA 04805390236

Tel.: +39 045 9298085
Mail: segreteria@aworldofsanctions.org

Privacy Policy

Segui AWOS su