Il ruolo geostrategico dei cavi sottomarini

Pubblicato il 17 Marzo 2022

Le interconnessioni digitali come possibile ambito sanzionatorio

Articolo di Michele Savini Zangrandi, Banca d’Italia

Le infrastrutture di telecomunicazione rendono le interazioni talmente immediate che si dimentica facilmente la loro dimensione fisica, quasi l’informazione transitasse per un sistema etereo e smaterializzato. L’assenza di legami fisici (reti mobili e wireless) e l’utilizzo di termini come cloud contribuiscono a creare quest’impressione. La realtà è tuttavia molto diversa. La rete è un’infrastruttura profondamente materiale, costituita da server, cavi, antenne e satelliti con una presenza fisica e luoghi di transito.

Prendendo spunto dal tema di questo numero di GeoTrade, qui si discute del ruolo geostrategico dei cavi sottomarini, una delle componenti principali dell’infrastruttura globale di telecomunicazione. I cavi veicolano gran parte delle interazioni sociali ed economiche del mondo digitale, creando interconnessioni e dipendenze. Il controllo dei cavi costituisce quindi una leva strategica, il cui risvolto si manifesta in rischi – ampiamente discussi – di spionaggio e sabotaggio. Meno attenzione ha avuto invece finora la possibilità di diniego selettivo della rete da parte di chi controlla i cavi. L’estensione della logica della weaponization of interdependecies – ben nota per altre infrastrutture economiche – ai cavi sottomarini, ed i rischi che ne derivano dovrebbero invece essere considerati con maggiore attenzione.

L’articolo è pubblicato sul numero 2 di GeoTrade.

Per poter leggere l’articolo completo: CLICCA QUI

Iscriviti alla nostra
newsletter

Rimani aggiornato sul complesso mondo delle sanzioni e dell’export control.
Scopri in anteprima convegni e eventi organizzati da AWOS.

© AWOS - A World of Sanctions.
Via Oberdan, 10 - 37121 Verona (ITA)
C.F. 93272880233 - P.IVA 04805390236

Tel.: +39 045 9298085
Mail: segreteria@aworldofsanctions.org

Privacy Policy

Segui AWOS su